La stazione di Mestre cambia look: Alberghi, Negozi e piastra che collega Mestre a Marghera. Parco piraghetto si ingrandisce. Ecco i dettagli

La stazione di Mestre cambia look: Alberghi, Negozi e piastra che collega Mestre a Marghera. Parco piraghetto si ingrandisce. Ecco i dettagli

Forse questa è la volta buona, una delle zone attualmente più degradate della città potrebbe nel corso dei prossimi anni subire un grande cambiamento che porterebbe a transitare moltissime persone tra le vie del piazzale.

Guardiamo assieme cosa prevede l’accordo di programma per la riqualificazione, che sarà finanziato interamente dai privati attraverso un project financing.

Innanzitutto avremo un nuovo albergo al posto dell’ex ufficio delle Poste, i giardinetti di via Piave passeranno al Comune che quindi potrà gestirli in autonomia provvedendone alla riqualificazione.

Si interverrà inoltre sul piazzale degli autobus, sull’intera facciata della stazione che cambierà completamente look e verrà ceduto al Comune anche il parco ferroviario.

Quest’ultimo in parte parte permetterà l’ampliamento del Parco Piraghetto e in parte sarà utilizzato per la realizzazione degli alloggi per gli abitanti di via Gazzera Alta.

Non solo Mestre, anche Marghera verrà riqualificata dando il via libera a nuovi uffici, negozi e un altro albergo in Via Ulloa.

La stazione di Mestre risulta una delle più frequentate del Veneto con 30 milioni di frequentazioni l’anno e per questo l’intenzione dei privati è quella di offrire nuovi servizi ai passeggeri con  strutture temporanee di lavoro, luoghi adibiti ad eventi culturali e negozi. Locali che potranno essere inseriti anche lungo la piastra che collegherà Mestre a Marghera, passando sopra ai binari.

Si attende, con tutta probabilità a maggio, la firma tra Regione, Comune, Sistemi Urbani e Società Favretti che insieme scriveranno nero su bianco il cronoprogramma dei lavori (si parla di lavori con step cinque e dieci anni).

I lavori prevedono in primo luogo la sistemazione del piazzale bus e la realizzazione dell’hotel, solo successivamente la creazione degli alloggi per i residenti di Via Gazzera Alta e infine la valorizzazione dell’edificio della stazione con il rifacimento di tutto il fronte.

Lascia un commento
Commento
Nome
Email
X